Enogastronomia

Le Sfinci di San Giuseppe, storia e ricetta di un dolce tipico siciliano

Il 19 marzo è la festa del Papà, che coincide con una ricorrenza, quella di San Giuseppe, in occasione del quale “sfornare” un prelibata ricetta della pasticceria siciliana, appunto: le Sfinci di San Giuseppe.

Questa ricetta ha origini antichissime e il nome deriva dall’Arabo isfang, ovvero “spugna”, oppure dal Latino spongia, Spugna, proprio per la forma, la struttura e la consistenza della sfincia, che la rendono simile ad una spugna.

La Sfincia di San Giuseppe è un dolce siciliano che vanta, per le sue caratteristiche e l’infinità bontà, l’iscrizione alla lista dei “Prodotti Agroalimentari Tradizionali Italiani” (P.A.T.) del Ministero delle Politiche Alimentari, Agricole e Forestali (MIPAAF).

Questo dolce goloso viene consumato, perlopiù, in occasione della festa di San Giuseppe, soprattutto nella parte centro-occidentale della Sicilia.

Le origini di questa gustosa ricetta dolciaria sono antichissime, sebbene non è semplice identificarne la “paternità”, pare sia un’evoluzione dei pani o dei dolci Arabi o Persiani fritti in olio o grassi.

Persino la Bibbia ed il Corano menzionano questo dolce, che nei secoli ha subito delle trasformazioni grazie alle abilità delle suore del monastero delle Stimmate.

Da semplici frittelle di pane a dolce farcito con ricotta, gocce di cioccolato, granella di pistacchio e frutta candita, la ricetta della Sfincia di San Giuseppe è stata ulteriormente rivisitata ed elaborata dai pasticceri Palermitani, che hanno creato una vera e propria delizia dell’Alta Pasticceria Siciliana.

Dunque, è importante sottolineare come una ricetta umile sia divenuta un’icona della Pasticceria e della cultura siciliana, ed è per tale ragione che i centri gastronomici e le più prestigiose pasticcerie siciliane producono ogni giorno questo dolce semplice e molto richiesto.

 

 

Ingredienti
(ca. 40 Sfinci)

  • 500 gr di Farina tipo 00
  • 500 ml di acqua
  • 10 Uova
  • 100 gr di Burro o Strutto
  • un pizzico di Bicarbonato
  • 10 gr di Sale
  • q.b. Olio di semi per friggere

 

(per la farcia di Ricotta)

  • 2 kg di ricotta
  • 1 kg di zucchero
  • 300 gr di Zuccata
  • 100 gr di gocce di Cioccolato
  • q.b. Granella di Pistacchi
  • q.b. Ciliegie e Scorza d’Arancia Candita

 

Preparazione

In un tegame mettere strutto, acqua e sale, far bollire, poi versare la farina fino a creare un impasto e mescolare fino a quando lo stesso non si separa dalla parete del tegame, spegnere la fiamma e lasciare raffreddare. Stendete più volte l’impasto con un mattarello.

Successivamente versare le uova “ad una ad una” e infine il bicarbonato, poi lavorare l’impasto facendo amalgamare bene tutti gli ingredienti.

Scaldare l’olio di semi fino a 165°C e versare l’impasto con cucchiaio da cucina e lasciar dorare bene, estrarre la pastella fritta e riporla in un contenitore su carta assorbente.

 

Preparazione farcia di ricotta

Setacciare la ricotta, priva di siero, e aggiungere lo zucchero, mescolare bene e lasciare riposare per un’ora.
Aggiungere le gocce di cioccolato e la zuccata tagliata a pezzi alla ricotta e amalgamare il tutto, poi praticare un foro sulla superficie della sfincia e farcire con il preparato di ricotta. Infine guarnire con granella di pistacchio e scorza d’arancia. La Sfincia di San Giuseppe è pronta.

Commenti

Commenti

You Might Also Like