Aglianico taurasi

Cerchi il vino Aglianico taurasi in offerta a Ottobre 2020? Probabilmente sai già che di Aglianico taurasi ne esistono di diverse tipologie (Aglianico del Vulture, Aglianico del Taburno, Aglianico Pugliese, Campano, ecc.)  ed è prodotto da numerose cantine (es. Cantine del Notaio, Basilisco, Elena Fucci, Paternoster, ecc.).

Proprio per aiutarti nell’individuazione delle offerte specifiche relative al vino Aglianico taurasi, ogni mese stiliamo una lista delle migliori offerte e dei più apprezzati vini venduti su Amazon. Molti di questi vini sono venduti al miglior prezzo tu possa trovare online ed alcuni sono in offerta. Considera che il primo in classifica è il più acquistato dagli altri in questo periodo.

Consiglio: Se vai di fretta, aggiungi un prodotto al carrello di Amazon senza impegno. Ciò ti servirà per NON dimenticareil prodotto quando sarai pronto ad effettuare il tuo acquisto e rivederlo con più calma.

Vino Aglianico taurasi (o simili): elenco delle offerte di Ottobre 2020

Bestseller No. 1
Taurasi DOCG - Feudi San Gregorio, Cl 75
  • Bottiglia da 75 cl
  • Profumi fragranti di visciola e marasca, cannella e noce moscata, vaniglia e anice; al
  • Aglianico
Bestseller No. 2
Grappa Millesimata Aglianico Taurasi Concezione Classica 2006-70 cl
  • Azienda: Castagner - Tipologia: Distillato, Grappa
  • Zona: vinacce provenienti da Avellino (Campania) - distillato in provincia di Treviso (Veneto)
  • Gradazione: 41% vol.
  • Formato: Bottiglia da 70 cl
Bestseller No. 3
Mastroberardino Taurasi docg - 750 ml
  • Bottiglia da 75 cl
  • Annata: 2014
  • Provenienza: Campania
  • Vitigno: Aglianico
  • Vino Rosso dalla grande struttura, importante e atto a lungo invecchiamento
Bestseller No. 5
Campania Aglianico IGP | Cantina Antica Hirpinia | Annata 2015
  • Descrizione: Vino dal naso ampio e maturo dove a predominare sono le note speziate di pepe e noce moscata. In bocca il vino ha un ottimo corpo con un tannino equilibrato. Le note speziate insieme a quelle di frutta matura e frutta secca tornano a farsi sentire molto nettamente nel finale
  • Abbinamenti: Spiedini di agnello alla brace
  • Vinificazione: In rosso con fermentazione a temperatura controllata e breve macerazione delle bucce. Affinamento parzialmente in botte e parzialmente in acciaio. Passaggio in bottiglia di due mesi prima della messa in commercio
  • Curiosità: Il nome "Taurasi" (comune dove ha sede questa cantina) deriva da "Taurasia", un piccolo borgo vinicolo che i romani costruirono dopo aver sconfitto gli irpini, nell'80 d.C
  • Temperatura 16,0° Gradazione 13 % Uve: Aglianico Provenienza: Campania
Bestseller No. 6
Villa Raiano Taurasi DOCG annata 2015
  • Annata 2015
  • Provenienza delle uve: esclusivamente dalla provincia di Avellino
  • Uve Aglianico dalle vigne del comune di Montemarano a 450 metri s.l.m.
  • Vinificazione in acciaio con follature e rimontaggi quotidiani e macerazione delle bucce dai 10 ai 20 giorni a seconda dell’andamento dell’annata
  • Affinamento in botti di rovere di varia capacità per circa 12 mesi, in acciaio per 12 mesi ed in bottiglia per altri 12 mesi
Bestseller No. 7
Aglianico del Beneventano IGP | Torre dei Chiusi | Confezione da 12 Bottiglie da 75 Cl | Vino Rosso Italiano | Campania
  • Uvaggio:Aglianico 100%;
  • Gradazione Alcolica:13°;
  • Regione Produzione:Campania;
  • Confezione:12 Bottiglie da 75 Cl;
  • Abbinamenti:arrosti di carne rossa,formaggi stagionati;
Bestseller No. 8
Villa Raiano Campania Aglianico IGT annata 2018
  • Annata 2018
  • Provenienza delle uve: esclusivamente dalla provincia di Avellino
  • Uve Aglianico da 3 vigne differenti dei comuni di Castelfranci, Venticano e Bonito
  • Vinificazione e affinamento per il 50% del vino in Barrique di rovere francese di secondo e terzo passaggio per circa 6 mesi, mentre il rimanente 50% resta in acciaio a contatto con le fecce fini per altri 6 mesi
Bestseller No. 9
Aglianico Campi Taurasini DOC Bicento Nativ 2016 0,75 lt
  • Campi Taurasini DOC
  • Vino pregiato, i cui vigneti crescono su terreni vulcanici, sulle corrine di Turasi. Il nome di questo vino è dovuto alla longevità dei vigneti da cui è ricavato, che hanno 200 anni. Bicento significa, infatti, “due volte cento”.
  • Questo Aglianico è molto concentrato, il palato è denso. Al naso presenta aromi di frutti rossi maturi, ciliegia, spezie e ciliegia Maiatica. L'affinamento in Barrique di rovere francese per18 mesi, supporta gli aromi senza coprirli.
  • Si abbina a piatti a base di carne rossa, selvaggina, formaggi stagionati, piatti preparati con salsa di carne.

Se non visualizzi correttamente la classifica, clicca qui per consultare direttamente Amazon.

Origini dell’Aglianico

Le origini della vite stessa e del suo nome non sono chiare. Tradizionalmente, si pensa che la vite abbia avuto origine in Grecia, prima coltivata dai Focesi da un vitigno ancestrale non identificato; fu poi portata a Cuma, vicino all’odierna Pozzuoli, da coloni greci nell’VIII secolo a.C., e da lì si diffuse nell’Italia meridionale. Tuttavia, l’analisi moderna del DNA dell’Aglianico non supporta questo punto di vista, rivelando scarsa relazione con altri vitigni greci. Anche la sua discendenza rimane sconosciuta, il che implica che è probabile che sia endemico della sua regione. Se l’Aglianico è stato importato in Italia dalla Grecia, non sono persistiti gli impianti originali greci.

Il nome appare per la prima volta per iscritto in versione femminile plurale nel 1520 come “Aglianiche”, e persistono diverse teorie etimologiche. Il nome può essere una variante di vitis hellenica (latino per “vite greca”), o di Apulianicum, il nome latino di tutta l’Italia meridionale ai tempi dell’antica Roma. Tuttavia, poiché non esiste alcuna traccia del nome Aglianico anche prima della conquista spagnola del XV secolo dell’Italia meridionale, un’altra possibile origine del nome è quella di llano (in spagnolo “pianura”), che indica un vitigno coltivato in pianura.

L’enologo Denis Dubourdieu ha detto che “l’Aglianico è probabilmente l’uva con la più lunga storia di consumo”, sostenendo che l’Aglianico era usato per produrre il vino falerniano famoso in epoca romana. Insieme al Greco bianco (oggi conosciuto come Greco di Tufo), l’uva rossa della regione era considerata favorevolmente da Plinio il Vecchio.  Tracce della vite sono state trovate in Molise, in Puglia, e anche nell’isola di Procida vicino a Napoli, anche se non è più ampiamente coltivata in quei luoghi.

Speriamo tu abbia trovato il vino Aglianico taurasi che cercavi. Buona degustazione!

Lascia un commento

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.