Magazine

“Al bicerin”, un goloso ritorno alla Torino del passato

bicerin

Il bicerin è un’istituzione torinese che non ammette ignoranza.

In un certo senso, questa bevanda condensa in un unico bicchiere tutta l’eleganza, la raffinatezza intellettuale e l’importante passato di Torino.

Il primo sorso inumidisce le labbra di una fredda crema di latte, fredda come l’autunno piemontese. Il secondo sorso vi riscalda come il cuore pulsante di questa meravigliosa città, grazie al goloso mix di cioccolata calda e caffè espresso.

Se passate da Torino, non potete non assaporare questa meraviglia nello storico locale “Al Bicerin”, attivo sin dal 1763.

Aperta quella porta, in effetti, sembra di esserci rimasti nel 1763, o meglio, nell’ottocento, periodo durante il quale l’intero palazzo è stato ristrutturato.

Da allora, il locale ha subito pochissime modifiche, e l’arredamento è ancora quello originario dell’epoca, insegne incluse.

Luci basse, lume di candela, tavolini piccoli e locale minuscolo e accogliente. Il mobilio in legno, con le vetrine che espongono i prodotti esattamente come all’epoca.

Il menu offre diverse opzioni, ma la gente è lì per il grande protagonista: il bicerin.

Ecco quindi che tra i tavoli sfilano vassoi colmi di bicchieri di vetro che lasciano trasparire gli strati della bevanda più famosa del capoluogo piemontese. Servito con o senza biscotti, ci suggeriscono immediatamente di consumarlo senza rigirare la bevanda col cucchiaino (almeno non ai primi sorsi).

Il bicerin è una bevanda di contrasti: caldo e freddo, cioccolata e caffè.

Star seduti su quel tavolino, sorseggiando e rigirando il bicchiere tra le dita, l’atmosfera calda e accogliente, il brusio della gente che chiacchiera, ti fa comprendere l’importanza che questo rituale ha assunto nel tempo, e di come la tradizione sia radicata nella storia e nella cultura di questa città.

Il bicerin è un’esperienza, non una semplice bevanda. D’altronde, la gastronomia di un luogo è la chiave che apre le porte e i segreti del luogo stesso.

 

Autore: Andrea Baio

Commenti

Commenti

You Might Also Like