Enogastronomia

Arriva anche in Italia Ristoranti contro la fame

Un piccolo gesto di solidarietà per aiutare chi combatte la fame nel mondo. Parte con questo obiettivo l’iniziativa Ristoranti contro la fame che dopo Spagna e Inghilterra sbarca finalmente anche in Italia.

Ideata dall’organizzazione umanitaria Azione contro la fame, l’iniziativa raccoglie attualmente le adesioni di circa 160 ristoranti in Italia. I clienti, andando in questi ristoranti, potranno scegliere il proprio piatto preferito e donare 2 euro aggiungendoli al loro conto. Una piccola cifra che corrisponde al necessario per un giorno di cure a base di cibo terapeutico per aiutare un bambino malnutrito.

ristoranti si occuperanno di promuovere la campagna presso i clienti e potranno proporre un menù/piatto solidale al quale associare una propria donazione. Sono già tanti gli chef in tutta Italia che hanno scelto di ricoprire il ruolo di Chef Ambasciatori, promuovendo il più possibile l’iniziativa.

La campagna ha ricevuto il maggior numero di adesioni a Roma, con 17 ristoranti, e a Milano con 16 e sarà attiva fino al 16 dicembre.

Oltre 3 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono ancora, ogni anno, per cause legate alla malnutrizione, 1 bambino su 12. Questi sono i numeri del dramma della malnutrizione del mondo. Un dramma assurdo nel 2015. Ancor più assurdo se si pensa che le soluzioni esistono ed esistono cure salva-vita efficaci e a basso costo“. Sono queste poche ma efficaci parole Simone Garroni, Direttore Generale di Azione contro la Fame Italia, ha voluto presentare la campagna Ristoranti contro la fame.

L’organizzazione internazionale Azione contro la fame è impegnata da oltre 35 anni nella lotta alla malnutrizione, lavorando per fornire alle famiglie accesso ad acqua pulita e soluzioni di lungo periodo per combattere le cause strutturali di fame e denutrizione. Nel 2014 l’organizzazione ha aiutato oltre 14 milioni di persone in 47 Paesi del mondo.

L’iniziativa è stata lanciata contemporaneamente in Italia, Germania, Canada e Stati Uniti.

Per consultare la lista di ristoranti che hanno aderito alla campagna CLICCA QUI

Commenti

Commenti

You Might Also Like