Ricette

Carrot Cake: dolce goloso a base di carote e mandorle

carote

Oggi vi propongo una rivisitazione del celebre Carrot Cake, dolce tipico della tradizione anglo – americana che lo preferisce con le noci Pecan al posto delle mandorle e con una generosa colata di glassa bianca.

La mia versione, frutto di diverse sperimentazioni, prevede invece, oltre all’ingrediente principale, ovvero le carote, la farina di mandorle, ormai molto diffusa nella grande distribuzione o facilmente reperibile nelle drogherie e torrefazioni ben fornite, ma per la facilità con cui si può ottenere (basta infatti essere muniti di mixer e il gioco è fatto) conviene proprio prepararsela da sé.

Questo dolce, a mio avviso tipicamente autunnale (in America ed Inghilterra i muffin e le torte a tema Halloween sono spesso a base di carote, proprio perché conferiscono quella colorazione arancione che identifica nella loro tradizione, e nella nostra sempre di più, quel periodo dell’anno) è di facile esecuzione e se le dosi degli ingredienti vengono rispettate possiamo ottenere un dolce che coniuga gusto, leggerezza e versatilità: dalla prima colazione allo spuntino o, perché no, come dolce da abbinare ad un thè o una tisana nel tardo pomeriggio.

Ma passiamo alla ricetta, davvero semplice e veloce! (Le dosi si intendono per una tortiera di 24 cm di diametro)

INGREDIENTI:

  • 300 gr. di carote grattugiate (mi raccomando, non passate al mixer!)
  • 150 gr di farina 00
  • 150 gr di mandorle (pelate se desiderate un sapore più delicato)
  • 90 gr di olio di semi di girasole
  • 3 uova
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 50 gr di zucchero semolato
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • q.b. sale

PREPARAZIONE:

Grattugiate le carote (i 300 gr. effettivi andranno pesati dopo averle grattugiate) e lasciate che perdano la loro acqua di vegetazione che andrete poi ad eliminare. Nel frattempo, passate le mandorle al mixer assieme allo zucchero di canna, giusto il tempo che il tutto prenda l’aspetto di una farina. Procedete, poi, montando le uova con lo sbattitore assieme allo zucchero semolato.

Solo quando avrete ottenuto un composto spumoso potrete versare l’olio a filo, continuando a girare. Setacciate poi la farina, in modo da ossigenarla e da evitare la formazione di grumi, una volta unita agli altri ingredienti, ed unite ½ bustina di lievito in polvere, un pizzico di sale e la farina di mandorle ottenuta in precedenza.

Successivamente, unite le carote grattugiate e precedentemente scolate al composto spumoso, facendo in modo che tutti gli ingredienti si amalgamano, procedete poi versandovi poco a poco e senza mai smettere di girare le farine già mischiate. Una volta amalgamati tutti gli ingredienti otterrete un composto piuttosto cremoso ma non troppo denso, che dovrete trasferire in una tortiera con i bordi alti, precedentemente imburrata.

Cuocete per 50 minuti nel forno preriscaldato, in modalità statica, ad una temperatura di 180°C per i primi 25 minuti, abbassate poi a 170°C durante i restanti 25 minuti. Il consiglio che vi do è di non aprire assolutamente lo sportello del forno fino a cottura ultimata e di lasciare che il dolce si raffreddi completamente all’interno del forno con lo sportello socchiuso, in modo da fare uscire l’umidità ma non “soffrire” lo sbalzo di temperatura.

Ah, dimenticavo: una spolverata di leggerissimo zucchero a velo e il dolce è servito!

Beh, per oggi è tutto! Alla prossima!

Intanto… stay tuned su Stayfood!

Commenti

Commenti

You Might Also Like