Ricette

I contrasti di una terra in un piatto: i Cjarsons

Cjarsons

Un luogo poco conosciuto, che può regalare svariati paesaggi e a seconda delle stagioni far nascere emozioni differenti negli occhi dell’osservatore che ha la fortuna di poterli ammirare. Siamo in Carnia, nella parte settentrionale del Friuli Venezia Giulia, al confine con Austria e Slovenia.

In Carnia possiamo godere di verdi vallate e cime mozzafiato, distenderci al sole nei prati dipinti dai mille colori dei fiori e rilassarci ascoltando il suono dei ruscelli che attraversano i boschi. Le bellezze naturali che si trovano in questo angolo d’Italia sono in contrasto con la storia dello stesso. La Carnia, infatti, è nota per essere stata da sempre teatro di grandi invasioni.

È in questa cornice che nasce un piatto che diventa emblema della zona: ricco ma allo stesso tempo povero, dolce e amaro. I Cjarsons. Sono una sorta di agnolotti, il cui ripieno cambia ed è un segreto che si tramanda all’interno delle famiglie. La ricetta nasce da ingredienti poveri e facilmente reperibili in zona, come patate ed erbe di montagna, all’interno però si possono assaporare anche il gusto dolce dell’uvetta alternato all’amaro del cacao e a quello profumato della cannella.

La ricetta che segue è una delle più classiche, adatta a quasi tutti i palati:

INGREDIENTI PER LA PASTA

  • 500gr di farina 00
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 400gr di acqua bollente

INGREDIENTI PER IL RIPIENO

  • 2 cipolle medie
  • 1 noce di burro
  • 5 patate lessate e sbucciate
  • Prezzemolo
  • Buccia grattugiata di un limone
  • Una manciata di uva passa ammollata e tritata
  • 1 cucchiaio di cannella
  • 3 cucchiai di menta tritata

INGREDIENTI PER IL CONDIMENTO

  • Burro
  • Ricotta affumicata
  • Zucchero
  • Cannella

PREPARAZIONE

Preparate il ripieno soffriggendo piano la cipolla tritata con la noce di burro. Aggiungete quindi al composto di patate schiacciate. Unite il resto degli ingredienti e amalgamate bene. Lasciate riposare.

Impastate la farina con l’olio e l’acqua bollette fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico. Stendete l’impasto ad uno spessore di circa 2-3 mm e ricavate dei dischi. Al centro di ognuno sistemate un cucchiaio di ripieno e richiudeteli a mezzaluna.

Portate a bollore una pentola di acqua salata, immergete i Cjarsons e scolateli una volta che vengono a galla. Sistemateli nei piatti, irrorateli con burro fuso e aggiungete a piacere un po’ di zucchero e cannella. Completate con la ricotta affumicata grattugiata.

Come detto in precedenza, una ricetta “originale” dei Cjarsons non esiste poiché il piatto veniva realizzato con gli ingredienti che si trovavano nelle case. Possiamo trovare, infatti, varianti che prevedono l’utilizzo di sole erbe montane oppure quelle che vedono impiegato il cacao, biscotti secchi frantumati, fino ad arrivare alla frutta (mele, pere) o cioccolato in scaglie.

Un ringraziamento particolare va a @chiara.babiesandfrenchies per averci raccontato la sua meravigliosa terra. Visitate il suo profilo su instagram e non ve ne pentirete.

Commenti

Commenti

You Might Also Like