Eventi e sagre

La Festa della mela di Maddaloni tra degustazioni, musica e folklore

La mela è uno dei frutti più diffusi, dal neolitico ai giorni nostri, partendo dall’Asia centrale è arrivata ovunque.

In Italia ci sono più di mille varietà, ma meno di una decina di queste coprono il 90% del mercato nazionale, riducendo le specie tradizionali e meno comuni a un mercato di nicchia.

Tra queste coltivazioni locali dalle qualità organolettiche pregiate che le distinguono per sapore, consistenza e profumo, c’è la Melannurca, una varietà tipica della Campania e che gode del riconoscimento I.G.P.

Una delle zone in cui viene coltivata e raccolta è la valle di Maddaloni, nel Comune omonimo in provincia di Caserta dove ogni anno da ben 23 anni si tiene la Festa della mela di Maddaloni.

La manifestazione, che quest’anno ha luogo il 24 e 25 ottobre e che è promossa dalla Pro Loco “Valle”, trasforma i vicoli del borgo medievale in un tripudio di musica, folklore, artisti di strada, sbandieratori, dame, principi, cortigiani e, naturalmente, stand presso i quali è possibile assaggiare specialità di ogni genere in cui il piccolo frutto è il protagonista.

La Festa della mela di Maddaloni è un’occasione imperdibile per scoprire o riassaporare le qualità di questa varietà di piccole dimensioni, ma succosa e croccante, dalla polpa dolce e lievemente acidula.

Infine, durante l’evento è previsto un itinerario turistico che permette di visitare i “melai” su cui questi frutti prelibati vengono adagiati dopo essere stati raccolti ancora verdi e girati spesso, rigorosamente a mano, affinché maturino ai raggi del sole campano.

La festa non trascura l’aspetto culturale del territorio, includendo nel percorso l’acquedotto Carolino progettato da Luigi Vanvitelli, incluso tra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Commenti

Commenti

You Might Also Like