Rubrica Agroalimentare

La pizza, candidata alla lista Unesco

Pizza_stayfood.it

L’Italia è il paese della pizza, la terra dove hanno preso vita i più importanti prodotti della gastronomia Made in Italy, oggi status symbol dell’Italianità nel mondo.

Queste eccellenze gastronomiche hanno raggiunto ogni parte del globo, proprio per la loro infinita bontà e la qualità intrinseca delle materie prime, che fanno la differenza.

Tra le perle della gastronomia vi è la pizza uno tra i principali simboli della cultura gastronomica napoletana, dunque Made in Italy.

La pizza fa parte della cultura italiana e i dati della Coldiretti dimostrano come il mondo apprezzi questa straordinaria specialità, in particolar modo gli Stati Uniti, dove il consumo pro-capite annuo di pizza ammonta a 13 Kg, seguiti dall’Italia (7,6 Kg), la Spagna (4,3 Kg), Francia e Germania (4,2 Kg), il Regno Unito (4 Kg), il Belgio (3,8 Kg) e l’Austria, fanalino di coda della classifica (3,3 Kg).

Questi dati dimostrano come la pizza rappresenti il principale prodotto gastronomico italiano per eccellenza da custodire e preservare.
Su tale linea si muove l’iniziativa della Coldiretti e delle organizzazioni e associazioni di categoria, che hanno contribuito alla raccolta di 1 milione di firme, sotto la spinta dell’Expo.

L’obiettivo perseguito da Coldiretti e APN (Associazione Pizzaiuoli Napoletani) ha lo scopo di salvaguardare la Pizza e “l’Arte della preparazione”, un vero e proprio patrimonio culturale basato sull’impiego di materie prime italiane di alta qualità; registrando “la Pizza e l’arte dei pizzaiuoli napoletani” alla prestigiosa lista dell’Unesco come patrimonio immateriale dell’umanità.

La pizza è, infatti, un’eccellenza gastronomica che appartiene al patrimonio culturale e storico del nostro paese, frutto di secoli di storia italiana, che ne rappresenta l’identità nazionale e anche per questo motivo è il prodotto gastronomico più famoso e apprezzato al mondo.

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Mipaaf) ha contribuito a preservare l’arte della pizza, congiuntamente con la Commissione Italiana dell’Unesco e organizzazioni e associazioni di categoria, strutturando un network per la tutela della “Pizza Made in Italy” in un contesto globale.

La candidatura della pizza a patrimonio immateriale dell’umanità (Unesco), promossa da Coldiretti, ha lo scopo di salvaguardare la perla della gastronomia italiana e l’arte della preparazione di questa straordinaria specialità, rigorosamente con l’impiego di materie prime prodotte o estratte in Italia, limitando in tal modo gli effetti negativi dell’ Agropirateria, in un settore che nel nostro paese vale 10 miliardi di euro e impiega più di 100 mila risorse umane.

 

 

(Fonte Coldiretti)

Commenti

Commenti

You Might Also Like