L’agroalimentare italiano

L’agroalimentare italiano è il settore che più di ogni altro ha risposto positivamente alle avversità della crisi economica.

Settore trainante dell’economia italiana, il comparto agroalimentare è in grado di offrire prodotti estremamente competitivi, di qualità e genuini. L’indiscusso legame con le tradizioni locali e le attenzioni riservate alle moderne tecnologie in termini di sicurezza alimentare permettono di rispondere in modo efficace alle esigenze di un mercato in continua evoluzione.

Il “Made in Italy” è percepito nell’ambito agroalimentare come sinonimo di qualità, genuinità e gusto. La spiccata territorialità dei prodotti Dop, Doc e Igp rappresentano, inoltre, una forte attrattiva per gli acquirenti che desiderano l’eccellenza.

Un’ulteriore spinta all’agroalimentare italiano è stata data dall’affermazione di sempre più prodotti che hanno fatto della biodiversità, della tutela del territorio e della sicurezza alimentare il proprio punto di forza.

Nonostante si tratti di un settore in crescita, sono ancora tante le potenzialità inespresse del comparto. Una maggiore consapevolezza dei consumi ha favorito senza dubbio l’agroalimentare italiano, ma ancora tanto va fatto per promuovere le eccellenze di questo settore.

Nel campo delle esportazioni, l’Italia si piazza tra i primi posti nel settore agroalimentare. I prodotti del Made in Italy maggiormente esportati sono i vini e gli spumanti, la frutta fresca e secca, le preparazioni di ortaggi-legumi-frutta, la pasta, i formaggi e latticini. Ampi margini di sbocco possono ancora essere creati per valorizzare i tantissimi altri prodotti frutto dell’autentica tradizione agroalimentare italiana.