Ricette

E’ tempo di… Chiacchere!

chiacchere

Le Chiacchere sono uno dei dolci che unisce l’Italia. A seconda della regione il nome cambia, ma il gusto è ugualmente strepitoso. Le conosciamo come chiacchere, frappe, crostoli, frittoli, bugie, cenci, frappole e il loro massimo consumo è a carnevale.

L’origine di queste squisitezze risale all’epoca romana, quando con pochi ingredienti (uova e farina) si friggevano nel grasso di maiale in occasione dei festeggiamenti dei Saturnali (il Carnevale) e duravano tutta la Quaresima. Le preparavano in grandi quantità e venivano distribuite alla gente che si trovava nelle strade.

Si attribuisce la loro origine anche al periodo nel quale regnò la Regina di Savoia a Napoli, la quale, durante un incontro con i suoi amici, ebbe fame e chiese al suo cuoco di preparare un dolce che intrattenesse i suoi ospiti. Tale Raffaele Esposito preparò e improvvisò con quello che aveva a disposizione. Diede quindi il nome di “chiacchere”, in onore a quelle fatte durante la serata.

INGREDIENTI

  • 500gr farina 00
  • 60gr zucchero semolato
  • 3 uova
  • 1 bust. lievito
  • 1 limone (la scorza grattugiata)
  • 50gr burro
  • 1 bicch. vino bianco secco
  • 1 pizzico di sale
  • zucchero a velo q.b

PREPARAZIONE

Setacciare la farina sulla spianatoia, mescolarla con lo zucchero e il sale, fare la fontana e versare il burro ammorbidito, le uova, il vino, il lievito sciolto in alcuni cucchiai di acqua e la scorza del limone. Lavorare l’impasto sulla spianatoia, affinché risulti liscio. formare una palla e lasciarla riposare per mezz’ora coperta da uno strofinaccio.

Tirare la pasta con il mattarello in una sfoglia sottile di 3mm. Con la rotellina tagliare creando dei rettangoli di circa 8 cm x 4 cm e incidere dei piccoli tagli nel centro (per la lunghezza).

Tuffare le chiacchere nell’olio caldo, metterne poche per volta, tirarle e togliere appena dorate. Asciugarle con carta da cucina e cospargere con zucchero a velo.

NB: la forma e grandezza può cambiare in base ai nostri gusti.

Buon appetito!

 

Commenti

Commenti

You Might Also Like