Beverage

Poche semplici regole per fare un buon caffè con la nostra moka

Moka

Avete presente quel buon profumo di caffè che sentiamo al mattino appena svegliati?

 

Beh, il profumo e l’aroma è inconfondibile e rappresenta un dolce e morbido risveglio, magari durante la settimana quando i tempi sono “stretti” e bisogna correre a lavoro o la Domenica mattina, che, in genere, abbiamo più tempo per apprezzare i piccoli piaceri della vita.

Si, perchè il caffè è uno dei piaceri della vita e come tale deve essere ben fatto. Certo, più o meno tutti sappiamo preparare il caffè, ma quanti di noi sanno fare un ottimo caffè con la moka?

Abbiamo fatto un’indagine e abbiamo appreso come molti di noi non seguono le regole base, determinanti per la riuscita del caffè. Poichè quella del caffè è un’arte, vi sveliamo poche semplici regole, fondamentali per ottenere un buon caffè. I nostri sensi ci ringrazieranno e faremo un figurone con amici e familiari.

Poche semplici regole per fare un buon caffè con la nostra moka

Prima di tutto, selezioniamo del caffè di qualità, possibilmente tostato in modo artigianale, e scegliamo la miscela che più ci ispira, i gusti sono soggettivi. Noi consigliamo tre produttori di caffè artigianale, tostato a regola d’arte secondo la tradizione artigiana tramandata nei decenni, disponibili presso gli Store Virtuali di Stayfood.it:

Separiamo la parte superiore della moka da quella inferiore, prendiamo quest’ultima e versiamo al suo interno dell’acqua minerale, e prestiamo attenzione a:

Regolare il livello dell’acqua al di sotto della valvola di sfiato

Caffè

Formare un piccolo cumulo di caffè nel “colino”, in modo da superare il bordo del colino stesso, senza compattarlo (ostacoleremmo il processo d’infusione)

Caffè

Fare 3 o 4 buchi nel cumulo di caffè o “montagnetta” con una cannuccia o con il manico di un cucchiaino, in questo modo l’acqua risalirà più agevolmente, migliorando la distribuzione all’interno del nucleo del cumulo, e di conseguenza l’efficacia e la qualità dell’infusione

Caffè

Avvitare la caffettiera, ricordando di pulire con un tovagliolino la filettatura della base della moka e di pulire la guarnizione di tenuta o di sostituirla se sporca o usurata

Caffè      Caffè

Mettere a fuoco lento, per ottenere un’infusione progressiva, in tal modo le molecole di acqua si legano meglio coi grani di caffè e hanno più tempo per raggiungere il nucleo del cumulo

Interrompere la cottura solo dopo che il caffè, come si dice in gergo, “inizia a borbottare”

A questo punto prendiamo un cucchiaino e giriamo il caffè all’interno della moka.

Il caffè è pronto!

Il nostro esperto ci ha consigliato di degustare il caffè amaro, privo di zucchero o dolcificanti, in quanto solo così si apprezzano i sapori, gli aromi ed i sentori delle varie qualità di caffè, altrimenti si rischia di “coprire” le caratteristiche organolettiche della miscela che abbiamo adoperato.

Non resta che assaggiare.

Un’ultima cosa: il colore scuro e intenso indicano che il caffè è stato preparato a regola d’arte!

Buon caffè!

Commenti

Commenti

You Might Also Like