Prosecco santero

Cerchi il vino Prosecco santero in offerta a Giugno 2020? Probabilmente sai già che di Prosecco santero ne esistono di diverse tipologie ed è prodotto da numerose cantine (es. Adami, Andreola, Astoria, Bele Casel, Biasiotto, Bison, Bortolin Angelo, Bortolomiol, Cà si Rajo, Canella, Carpanè Malvolti, Col Vetoraz, Follador, Le Colture, Le Vigne di Alice, Montelvini, Sensi, Sorelle Bronca, ecc.).

Proprio per aiutarti nell’individuazione delle offerte specifiche relative al vino Prosecco santero, ogni mese stiliamo una lista delle migliori offerte e dei più apprezzati vini venduti su Amazon. Molti di questi vini sono venduti al miglior prezzo tu possa trovare online ed alcuni sono in offerta. Considera che il primo in classifica è il più acquistato dagli altri in questo periodo.

Consiglio: Se vai di fretta, aggiungi un prodotto al carrello di Amazon senza impegno. Ciò ti servirà per NON dimenticare il prodotto quando sarai pronto ad effettuare il tuo acquisto e rivederlo con più calma.

Vino Prosecco santero (o simili): elenco delle offerte di Giugno 2020

Bestseller No. 1
958 Spumante Extra Dry Pop - Santero - 6 x 0,75 l.
  • Pensare fuori dagli schemi, trovare nuovi stimoli, inventarsi nuove prospettive per guardare il mondo con occhi diversi. La missione della Pop Art sposa in pieno il concetto di 958 Santero
  • Un'arte rinnovata, un linguaggio mai usato prima, che dai vigneti e dell'uva si trasforma in bollicine quelle più alla moda, quelle più ricercate perchè fanno tendenza
  • 958 Santero è tutto questo, un'onda di bollicine sexy che arriva al cuore passando attraverso il gusto. 958 Santero Extra Dry è il risultato finale di anni di ricerca, nato per stupire i palati più esigenti. Giusto momento conviviali dell'aperitivo e per i vostri pranzi o le vostre cene di successo
  • Si presenta con un colore giallo paglierino e dai riflessi verdognoli, un perlage fine e persistente. Il profumo è intenso e aromatico, ricco di sentori floreali e fruttati. Al palato è fresco, gradevole e di buona consistenza. La temperatura di servizio consigliata è di 6-8 °C
OffertaBestseller No. 2
958 Moscato & Fragola Santero
  • Piemonte
  • Altri Vitigni
Bestseller No. 4
958 Love Extra Dry Santero
  • Piemonte
  • Altri Vitigni
Bestseller No. 8
958 Cuvée Pop Art Extra Dry Santero
  • Viene realizzato interamente da uve a bacca bianca, le quali fermentano in acciaio a temperatura controllata per 15-20 giorni. La presa di spuma avviene in autoclave secondo metodo Charmat, cui segue affinamento di 3 mesi in bottiglia prima dell'immissione sul mercato
  • Questa bollicina si caratterizza per un colore giallo paglierino con riflessi verdognoli e un perlage fine e persistente. Si percepiscono al naso intensi aromi di fiori bianchi, accompagnati da lievi sentori di pera. Al palato è fresco, appagante, di buona consistenza
  • Ottimo aperitivo, questo spumante esalta i piatti a base di carni bianche e di frutti di mare
Bestseller No. 9
958 Moscato Blue Jeans 1 x 75 cl.
  • l mito dei blue jeans incontra le bollicine più sexy del momento, per celebrarlo, SANTERO presenta il 958 SANTERO Blu Jeans
  • Moscato 100%
  • Dal particolare colore blu e dal caratteristico profumo fragrante , 958 SANTERO Blu Jeans è il brindisi ideale per chi prende la vita in modo informale, lontano dalle convenzioni e in piena libertà

Se non visualizzi correttamente la classifica, clicca qui per consultare direttamente Amazon.

Curiosità sul Prosecco

A Trieste, all’inizio del XVI secolo, il vino locale “Ribolla” fu promosso come ricreazione del Puciniano celebrato da Plinio il Vecchio nella sua Storia Naturale e lodato per le sue qualità medicinali da Livia, moglie dell’imperatore Augusto. La necessità di distinguere la “Ribolla” di Trieste dagli altri vini omonimi, prodotti a Gorizia e a minor costo in Istria, portò, alla fine del secolo, ad un cambiamento di nome. In seguito al presunto luogo di produzione nell’antichità, il vino fu denominato “castellum nobile vinum Pucinum”, dal nome del castello vicino al paese di Prosecco.

La prima menzione nota del nome Prosecco è attribuita all’inglese Fynes Moryson, anche se ha usato l’ortografia Prosecho. Moryson, in visita nel nord Italia nel 1593, annota: “La Histria è suddivisa in Forum Julii, e la Histria propriamente detta … Qui cresce il vino Pucinum, oggi chiamato Prosecho, molto celebrato da Plinio“. Egli colloca il Prosecco tra i vini famosi d’Italia: “Questi sono i vini più famosi d’Italia. La lagrima di Christo e come i vini neere Cinqueterre in Liguria: La vernazza, e il Muskadine bianco, soprattutto quello di Montefiaschoni in Toscana; Cecubum e Falernum nel Regno di Napoli, e il Prosecho in Histria“. Il metodo di vinificazione, vero tratto distintivo del Prosecco originario, si diffuse prima a Gorizia, poi – attraverso Venezia – in Dalmazia, a Vicenza e Treviso.

Nel 1754 la parola Prosecco compare per la prima volta nel libro Il Roccolo Ditirambo, scritto da Aureliano Acanti a Novoledo, nel comune di Villaverla in provincia di Vicenza.

Fino agli anni ’60 lo spumante Prosecco era generalmente piuttosto dolce e poco distinguibile dal vino Astigiano prodotto in Piemonte. Da allora le tecniche di produzione sono migliorate, portando ai vini di qualità superiore prodotti oggi. Secondo un rapporto del New York Times del 2008, il Prosecco ha registrato un forte incremento di popolarità nei mercati esteri, con vendite globali in crescita a due cifre dal 1998, favorito anche dal prezzo relativamente basso. È stato introdotto nel mercato mainstream statunitense nel 2000 da Mionetto, oggi il maggiore importatore di Prosecco, che nel 2008 ha registrato anche un “incredibile trend di crescita”. I consumi sono aumentati anche nel Regno Unito, che è diventato, a metà degli anni ’20, il più grande mercato di esportazione del Prosecco, consumando un quarto di tutta la produzione italiana.

Fino all’annata 2008 il Prosecco era tutelato come DOC in Italia, come Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene, Prosecco di Conegliano, Prosecco di Valdobbiadene e Prosecco di Colli Asolani. Dal 2009 queste due zone sono state promosse a DOCG. Per tutelare ulteriormente la denominazione, un’associazione di produttori tradizionali di Prosecco si è espressa a favore di una denominazione di origine protetta per il Prosecco del Nord Italia ai sensi della normativa europea. Pertanto, dal 1° gennaio 2010, il Prosecco, secondo un’ordinanza del Ministro delle Politiche Agricole italiano del 17 luglio 2009, non è più il nome di un vitigno (ora si chiamerà Glera), ma esclusivamente un’indicazione geografica. Ciò è stato confermato dal Regolamento EG n. 1166/2009 del 30 novembre 2009. Il Colli Asolani Prosecco Superiore DOCG ha poi cambiato il suo nome in Asolo Prosecco Superiore DOCG nel 2014.

Speriamo tu abbia trovato il vino Prosecco santero che cercavi. Buona degustazione!

Lascia un commento

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.