Ricette

Tartare con crema allo yogurt: a modo mio

tartare

La Tartare è un piatto di origine francese a base di carne bovina o equina che viene servita cruda e tagliata al coltello in pezzi molto piccoli. Non mi reputo una chef e nemmeno una cuoca: amo cucinare e sperimentare, tutto qui. Ed è così che ho deciso di preparare la Tartare a modo mio! Beh, ora… allacciate i grembiuli e via in cucina!

INGREDIENTI (per 1 porzione)

  • 150 g di carne mista tritata
  • 1 cucchiaino raso di aglio in polvere
  • 1 punta di cucchiaino di salsa al tabasco
  • sale a gusto
  • q.b. di olio in spray al limone *
  • 50 g di yogurt bianco light
  • 1 cucchiaino di dragoncello essiccato
  • q.b. di mela essiccata in fette
  • q.b. di cubetti di pane tostato
  • * potete usare la giusta dose di olio e succo di limone

PREPARAZIONE

Ho scelto di preparare la Tartare, utilizzando del macinato misto che mio marito preferisce. Voi potete scegliere anche un macinato di prima scelta di bovino oppure un macinato di carne equina a voi la scelta. Io vi posso assicurare che comunque è ottimo il misto bovino e suino.

Alla carne trita aggiungo un cucchiaino scarso di aglio in polvere, una punta di un cucchiaino di salsa al tabasco. Aggiusto di sale e condisco con un pò di olio in spray al limone.

Per rendere grazioso anche agli occhi questa Tartare l’ho servita in forma di cupolette, versando appunto il composto di carne trita aromatizzata all’interno di semisfere in silicone che mi sono aiutata poi ad appiattire con i rebbi di una forchetta.

Dopodiché, dopo aver formato le varie porzioni, ho lasciato un attimo da parte per creare la salsina di accompagnamento. Creo la salsina con dello yogurt bianco light a cui aggiungo un cucchiaino di dragoncello essiccato ed una spruzzatina di olio al limone.

È arrivato il momento di comporre il piatto: ricordate che anche l’occhio vuole la sua parte!

Adagio le tre semisfere in una posizione triangolare creando appunto i tre vertici di un triangolo su di un piatto piano; continuo il piatto aggiungendo delle mele essiccate che daranno un tocco di croccantezza e quel sapore dolcino alla Tartare. Scelgo delle fette simili tra di loro che divido poi a metà. Le posiziono partendo dal centro della mia cupola di Tartare verso il centro del piatto.

Negli spazi vuoti del piatto adagio la crema preparata precedentemente allo yogurt, creando una sorta di petalo; ultimo poi la preparazione con dei cubetti di pane tostato.

Ed ecco a voi servita la Tartare a modo mio!

Commenti

Commenti

You Might Also Like